I cinque referendum sulla giustizia rappresentano un’occasione unica, forse irripetibile, per rinnovare la giustizia, per procedere a una riforma necessaria e ormai ineludibile.

Per bloccare la portata del cambiamento, per mantenere tutto come è adesso, è stato eretto un muro per seppellire nel silenzio il referendum, per sabotarlo e per rendere impossibile il raggiungimento del quorum.

È stata eretta una cortina fumogena che ha fatto sparire il referendum sulla giustizia dal dibattito, nascondendolo all’opinione pubblica, a ognuno di voi.

Questo referendum è un’occasione storica per i cittadini, che devono essere informati sui quesiti e messi nelle condizioni di decidere.

A mali estremi anche i rimedi saranno estremi: digiuneremo da qui al 12 giugno e interromperemo questo sciopero solo nel momento in cui verrà infranto il muro del silenzio.

Per dare più efficacia a questo nostro sciopero della fame abbiamo bisogno di voi, di ognuno di voi e vi invitiamo ad aderire, anche solo simbolicamente, per mezza giornata o per una giornata intera.

Scioperate con noi!

Scioperiamo tutti fino a quando non sarà dato il giusto risalto informativo al referendum sulla giustizia!

Leggi la lettera inviata da

Roberto Calderoli e Irene Testa

al Presidente della Repubblica

Leggi
Per aderire allo sciopero della fame compila tutti i campi del modulo, prendi visione dell’informativa privacy e premi INVIA!
Ultime adesioni:
#NomeComune
110Fabio A.Fermo (FM)
109Ionescu M.Prato (PO)
108Annalisa L.Bari (BA)
107Francesca S.Artegna (UD)
106Iconio B.Roma (RM)
105Domenico M.Limbadi (VV)
104Andrea C.Afragola (NA)
103Stefano F.Roma (RM)
102Sabrina D.Roma (RM)
101Gaudenzio D.Pesaro (PU)
100Nathalie B.Milano (MI)
99Caterina C.Cerveteri (RM)
98Luca G.Pragelato (TO)
97Giulio P.Ginosa (TA)
96Monia C.Bassano del Grappa (VI)